• Home
  • T.Gold
  • Auroform Monolith: l’Elettroformatura 4.0

Auroform Monolith: l’Elettroformatura 4.0

Andrea Visentin, Marketing Manager di Nutec International, racconta l’efficacia del progetto Nutec Lab e la conseguente apertura di nuovi mercati per l’elettroformatura


Andrea Visentin è appena rientrato dall’Algeria dove ha avviato un nuovo impianto di Auroform Monolith, e quindi non c’è modo migliore per testimoniare che il mercato è in ripresa e, soprattutto, che anche all’estero si sta sempre più apprezzando la decisa rivoluzione portata da questa tecnologia al settore dell’elettroformatura. «Avevamo già installato impianti in Turchia, India, Medio Oriente e Nord Africa, ma questo primo passo in Algeria significa molto, perché è frutto di operazioni come la realizzazione di Nutec Lab e del suo video promozionale che ne illustra il making of Nutec Lab è stato per noi un sogno realizzato, perché è stata un’operazione complessa, portata a termine nonostante le mille difficoltà causate dalla pandemia. Eppure, ora c’è, è operativo e chiunque voglia testare in prima persona le potenzialità di Auroform ha uno spazio a sua disposizione con un impianto perfettamente funzionante. Basta vederlo in attività per rendersi conto di ciò che può fare, in totale autonomia. L’automazione è infatti uno dei suoi punti di forza, offrendo la possibilità di rendere produttivo un impianto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, senza l’impiego di un tecnico altamente specializzato e potendo monitorare il processo anche da remoto. Ed è solo l’inizio, perché una volta avviato il processo produttivo, si ha la garanzia di un’altissima qualità e di una costanza e ripetibilità del risultato, del massimo risparmio della materia prima preziosa, di un abbattimento dei costi di produzione e anche di manutenzione, e di un risvolto eco-sostenibile generato dal riciclo dell’acqua di risciacquo per il reintegro delle sostanze chimiche, oltre a una importante riduzione della perdita dei metalli preziosi. Anche per questa sua peculiarità, Auroform ha attirato l’interesse di clienti stranieri, in particolare del Medio Oriente, dove per tradizione, gusto e cultura si usano gioielli dai volumi importanti e con carature in oro - rame tanto negli standard che vanno da 8 a 22 kt, quanto in quelle particolari come ad esempio il 15,7 kt per il mercato asiatico. Garantire quindi un risparmio economico grazie all’uso inferiore di materia prima preziosa è un incentivo di assoluto successo».

Share this article:

Correlati

Lunedì, 16 Maggio 2022

Maglie Corte e Lunghe

Lunedì, 16 Maggio 2022

Una Soluzione per Ogni Problema

Lunedì, 16 Maggio 2022

Verso un’Economia Circolare

Martedì, 03 Maggio 2022

Disegna S.r.l.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×